Illusione Sociale

 

Correre verso un’infinita ricerca.
La fretta del nulla, la rincorsa verso un effimero successo.

 

Non siamo soli.
Abbiamo creato un’illusione dentro l’illusione.
L’illusione che un domani andrà meglio,
quando oggi non fai poi del tuo meglio.

 

E così gli eventi causali scelgono per te,
coinvolgendoti nei meccanismi alimentati dalla società.
Non cercare la libertà al di fuori di te,
perché la libertà esterna è un’illusione.

 

Finchè esistono linee immaginarie che creano nazioni,
cerca le tue libertà interiori.
Perché li fuori devi chiedere autorizzazioni,
per entrare in quelle nazioni.

 

Sono costrutti sociali, sembrano reali, sono ben radicati.
La cosa magica è che cessano di esistere,
appena li consideri tali.

 

E’ una lotta che inzia tra i banchi di scuola.
Vince chi arriva primo,
ma si son dimenticati di costruire il traguardo.

 

E così tutti in sala d’attesa,
i 5 con i 10, le sufficienze con le eccellenze.
Qualcuno cambia pure stanza,
e così si ritrovano i 18 con i 30.
Ma alla fine a pranzo e cena, ci sono pure i 5 e i 10.

 

Poi ogni tanto qualcuno vede la piantina,
e invece di cambiare stanza,
abbandona l’edificio.